Tutto ciò che vorreste sapere su Pretty Woman e non avete ancora chiesto

Written by on 24 Maggio 2019

Cari Radioclubiani eccovi accontentati. Vi ricordate il sondaggio che abbiamo lanciato il 7 maggio se preferivate Harry Ti Presento Sally o Pretty Woman? Due commedie romantiche molto diverse la prima una storia d’amore dai dialoghi sagaci al ritmo di jazz, mentre la seconda è una fiaba moderna tra glamour e jet privati che volano verso il teatro dell’opera per vedere La Traviata, in comune hanno in comune il fatto di essere diventate due cult degli anni ’90 entrati nella storia del cinema. Pur tuttavia a mani basse ha vinto il film che ha fatto sognare milioni di ragazze, Pretty Woman, diretto da Garry Marshall (il creatore della serie Happy Days) che ha lanciato Julia Roberts come stella planetaria.

Chi potrà mai dimenticare la sua chioma rossa che scorrazza per le strade di Rodeo Drive a fare shopping comprando abiti griffati prima che arrivassero le 4 ragazze di Sex and the city sotto le note del brano del 1964 cantato da Roy Orbison che dà poi il titolo al film. Anche se Vivian, il personaggio interpretato dalla Roberts, era una squillo molte ragazze hanno agognato una storia d’amore come quella vissuta da Viv con il fascinoso miliardario Richard Gere cambiandole completamente la vita.
A quasi 30 anni dalla sua uscita cosa sapete di questo nuovo classico tanto amato da voi? Se vi manca qualche chicca su Pretty Woman ecco che di seguito vi sveliamo aneddoti e curiosità in 10 succulenti tappe.

1. Valeria Golino o Julia Roberts?

Sapevate che in lizza per il ruolo di Vivian c’era anche la nostra Valeria Golino? E’ stata proprio l’attrice e regista italiana a rivelarlo lo scorso ottobre anche ai microfoni di Radio Crc. Dopo molti provini la Golino arrivò al secondo posto e come lei stessa racconta: << Se avessi avuto la parte in Pretty Woman è ovvio che la mia carriera avrebbe preso una piega differente. Ma che potevo fare con attrici come Julia Roberts? Non c’era storia. Il fato ha scelto questo regalandomi una carriera fantastica>>. Attenzione, molto prima che fossero aperti i provini il film fu anche offerto a Michelle Pfeiffer, Sarah Jessica Parker e Meg Ryan.

2. Quando l’improvvisazione diventa cult

Una delle scene più famose del film è quella in cui Edward mostra a Vivian la collana da indossare per andare a teatro. Il momento in cui per scherzo le chiude le dita nella scatola, con la relativa risata di Julia Roberts, non era scritto nella sceneggiatura, ma è stato frutto di un’improvvisazione di Richard Gere. A proposito della collana, era davvero di valore. Costava infatti 250.000 dollari ed è arrivata sul set scortata da una guardia armata.

3. Come rendere scorrevole una sceneggiatura

Nello script originale la protagonista era anche una tossicodipendente che faceva uso di cocaina. La storia si sviluppava intorno alla sua riabilitazione grazie alla settimana trascorsa con Edward. Seguendo sempre una linea drammatica anche il finale del film doveva essere diverso con Edward che caccia dalla sua auto Vivian e lei che prende un bus per Disneyland con i soldi guadagnati. Per fortuna i produttori hanno cambiato idea per rendere meno pesante il film.

4. Rifiuti Eccellenti
Per il ruolo di Edward furono presi in considerazione anche Al Pacino, Sylvester Stallone, Denzel Washington e Daniel Day-Lewis. In un primo momento pare che anche Richard Gere alla prima lettura del copione non era molto convinto giudicando il personaggio troppo noioso e piatto

5. Un affare di 3000 dollari
In origine avrebbe dovuto intitolarsi 3000 dollari, come la tariffa decisa da Edward per la compagnia di Vivian. Una volta ottenuti i diritti sulla canzone «Pretty Woman», la produzione decise di cambiare titolo.

6. Essere Pretty Woman per un giorno

Anche senza scarpetta di vetro, la storia di questa novella Cenerentola ha conquistato milioni di fan tanto che fino a qualche anno fa si poteva vivere un’esperienza ispirata al film Pretty Woman all’Hotel The Beverly Wilshire al costo di 100.000 dollari.

7. Essere politicamente corretti induce allo sbaglio

Pare che a Ferrari e Porsche fosse stato proposto di comparire nel film, ma che i due colossi abbiano rifiutato di prestare le loro auto a uso di Richard Gere e del suo personaggio perché temevano un danno di immagine nell’essere associate al tipo di uomini che si intrattiene con prostitute.

8. La risata che ha conquistato il mondo
La risata di Julia Roberts continua a conquistare tutti. Il suo sorriso è sempre stata la sua arma vincente in tutti i film e spot in cui continuiamo a vederla. C’è una scena all’inizio del film poco dopo dell’incontro tra i due protagonisti in cui Vivian è distesa sulla moquet a guardare la tv ridendo di vero gusto. Eppure quella risata non è finta ma reale. Per rendere quanto più spontanea e vera la scena, il regista del film ha fatto il solletico ai piedi dell’attrice nei momenti in cui non era nell’inquadratura.

9. Il trionfo di Julia
Come sappiamo il film ha lanciato a livello planetario Julia Roberts facendola diventare tra le star più pagate del mondo. Ma oltre la fama Pretty Woman le ha anche regalato onore e gloria facendole vincere un Golden Globe come miglior attrice protagonista per un film commedia o musicale e una nomination agli Oscar, premio che conquisterà esattamente 10 anni dopo per la sua interpretazione in Erin Brockovich.

10. Un musical non molto fortunato

L’estate scorsa è stato messo in scena a Broadway un musical tratto dal film del 1990 che non è stato apprezzato dalla critica per la scarsa creatività.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


RC 91

Current track
TITLE
ARTIST